Assistenza Clienti: +39 02 80888636

Accedi
 Usa Account Facebook
Registrati

 Usa Account Facebook

I migliori smartphone low-cost 2014 secondo IBTimes

Come di consueto con l’ avvicinarsi della fine dell’ anno il  web non risparmia classifiche di ogni tipo e il settore  degli smartphone non è esente da questa tradizione. In questi giorni possiamo così leggere classifiche degli smartphone più venduti, di quelli più desiderati, dei più performanti, dei più innovativi e via discorrendo. Ma, data la situazione economica non proprio rosea ci ha incuriosito molto la classifica proposta dal sito IBTimes,  il quale ha ritenuto fosse

“giusto anche dare un'occhiata a quei device dedicati a chi, quando si tratta di comprare un nuovo telefono, non ha a disposizione un portafogli gonfio e deve quindi puntare su modelli economici”.

[caption id="attachment_1108" align="aligncenter" width="600"]migliori smartphone low-cost Migliori smartphone low-cost[/caption]

Impossibile dargli torto, IBTimes ha così proposto una sua personale classifica  dei migliori smartphone low-cost rilasciati nel 2014.

La redazione del noto sito ha deciso di fissare la soglia di prezzo a 250 euro, in modo da presentare modelli che nella loro economicità possono garantire comunque elevate prestazioni.

Ed è così che i  migliori smartphone low-cost 2014, selezionati  dalla redazione del sito IBTimes Italia Tech sono: Motorola Moto G 2014, Nokia Lumia 735, Huawei Ascend G750, Xiaomi Redmi Note e Huawei G7.

IBTimes propone poi una comoda ed interessante tabella con  le principali caratteristiche tecniche dei dispositivi facenti parte della classifica. Di seguito riportiamo proprio la tabella elaborata da IBTimes.

IBTimes Italia

Smartphone low-cost: il primato cinese

Non sorprende che ben 3 dispositivi su 5 presenti in lista sono cinesi, e due tra questi sono prodotti da Huawei, il marchio che come sappiamo si sta facendo spazio nel nostro mercato con la sua convincente filosofia aziendale: qualità a prezzi contenuti. Per leggere l’ articolo completo di IBTimes basta cliccare qui.